language: Deutsch   Français   italiano   Español   Português   日本語   russian   arabic   norwegian   swedish   danish   Nederlands   finland   ireland   English  

Smartwatch: il sogno dell'orologio multifunzione

Smartwatch: il sogno dell'orologio multifunzione Scritto da Credit Suisse | Trend Online  –  lun 18 ago 2014 13:00 CEST Focus Credit Suisse Group AG Apple Inc. Visualizza foto

orologi  

QUOTAZIONI CORRELATE Simbolo Prezzo Variazione CS 28,76 0,36 AAPL 100,889 0,651

replica orologi in vendita Il mondo attende trepidante la rivoluzione degli orologi da polso. Parliamo di iWatch, che Apple (NasdaqGS: AAPL - notizie ) dovrebbe lanciare il prossimo autunno. Quali saranno i riflessi per l'industria orologiera svizzera?
smartwatch
Già nel 1965, in "Thunderball – Operazione tuono", Sean Connery – nei panni di James Bond – indossava un orologio in grado di rilevare il livello di radiazioni nell'ambiente circostante. Nel 1973, in "Vivi e lascia morire", l'agente segreto si liberava delle manette con la piccola motosega integrata nel suo cronografo e, grazie a una calamita speciale fissata alla cassa dell'orologio, deviava la traiettoria delle pallottole. Sono passati più di quarant'anni e il mondo è ora in trepidante attesa dell'orologio che, seppur privo dei mirabolanti accessori dell'agente 007, potrebbe rivelarsi altrettanto rivoluzionario e conquistare il polso di milioni di persone. A produrlo sarà Apple, forse pronta a presentarlo sul mercato già in autunno, come lasciano ipotizzare non soltanto blog specializzati e stampa, ma anche una delle poche notizie certe trapelate riguardo il progetto: lo scorso 22 luglio, l'ufficio brevetti statunitense ha reso pubblico il brevetto depositato da Apple in relazione a un "apparecchio elettronico da polso". I relativi disegni – ove compare il nome di "iTime" – raffigurano un cinturino in grado di alloggiare un dispositivo rimuovibile.

iWatch: è partita la produzione in Asia

orologi falsi Mentre altri concorrenti hanno già immesso sul mercato i propri smartwatch, ancora una volta Apple ha preso tempo. Che il mancato impegno fosse solo apparente è dimostrato dalla "caccia grossa" in cui la società di Cupertino si sarebbe impegnata per reclutare collaboratori di aziende orologiere svizzere e dal fatto che, tra gli altri, abbia assunto il direttore vendite di TAG Heuer. "A quanto sembra, la produzione negli stabilimenti asiatici è già cominciata", afferma Robert Weiss, titolare dell'omonima società di consulenza a Männedorf, nei pressi di Zurigo. Esperto di computer e consulente per l'innovazione, Weiss ha il polso del settore ed è convinto che Apple farà l'ennesima mossa vincente, assicurandosi il successo proprio grazie ai prodotti con cui ha già conquistato il mercato. "L'orologio di Apple avrà senso solo se collegato con l'iPhone. La possibilità di usare in modo combinato gli apparecchi già posseduti dai potenziali acquirenti riveste un'importanza cruciale", aggiunge Weiss. In ogni caso, anche quello della salute dovrebbe essere un fronte rilevante per il nuovo prodotto: "Già da quanto annunciato per l'iOS 8 emerge chiaramente come Apple punti molto sulle funzioni legate ai parametri biometrici."

L'orologio per la fitness della Swatch non farà concorrenza alla Apple

migliori orologi replica Secondo Uwe Neumann, analista ed esperto di telecomunicazioni del Credit Suisse (NYSE: CS - notizie ) , Apple avrebbe già interloquito con le autorità sanitarie degli Stati Uniti. "Nella visione dell'azienda, in futuro si potrebbe acquistare l'iWatch su ricetta medica, visto che l'orologio consentirebbe, ad esempio, di misurare la pressione arteriosa." Il fatto che la Swatch abbia annunciato per il 2015 il lancio di un orologio intelligente dedicato agli sportivi non rappresenta un fattore di disturbo per Apple, afferma Neumann. "Lo smartwatch di Apple non sarà un orologio nel senso tradizionale, bensì un completamento dell'ecosistema di cui fanno parte gli altri dispositivi, una sorta di "hub" per la comunicazione. In questo senso, appare molto interessante l'integrazione del software di riconoscimento vocale Siri. La Swatch non è in grado di sfidare Apple su questo terreno."

L'orologio per la fitness della Swatch punta a dimostrare l'immutato spirito di innovazione del gruppo

Orologi svizzeri replica Per Robert Weiss, il mancato avvio di una collaborazione tra il gruppo Swatch e Apple, nonostante le voci di trattative intercorse tra le parti, ha dell'incredibile. Secondo l'esperto IT, entrambe le aziende avrebbero potuto beneficiare della partnership. "Il gruppo Swatch avrebbe potuto insegnare molto ad Apple a livello di tecnica produttiva. Indubbiamente vi sono aspetti riguardo i quali Swatch possiede un know-how enorme: si pensi a impermeabilità e robustezza di vetro e cassa. Apple era chiaramente interessata ad attingervi, ma Nick Hayek – alla guida della società svizzera – ha gentilmente declinato la proposta." Secondo Hayek, il "fitness Swatch" rappresenta a tutti gli effetti un progetto audace, cui spetterebbe il compito di ribadire l'immutata vocazione del gruppo Swatch all'innovazione e la sua intenzione di partecipare alla nuova guerra dei gadget, come ha di recente dichiarato al "Berner Zeitung" Pierre-Yves Donzé, professore di economia all'Università di Kyoto, in Giappone, e originario di Neuchâtel. Anche il gruppo del lusso LVMH (Moët Hennessy – Louis Vuitton S.A.) non vorrebbe precludersi a priori questo tipo di prodotto. "Dobbiamo trovare un approccio al mondo degli smartwatch adeguato e che ci si confaccia", avrebbe affermato Jean-Claude Biver, presidente del Consiglio di amministrazione del marchio di orologi Hublot.

Smartwatch appetibili solo se abbinati ad app

orologi falsi Neumann, analista del Credit Suisse, non crede che l'orologio di Apple sia progettato per fungere da oggetto autonomo. Il colosso di Cupertino avrebbe infatti un interesse non solo tecnico, ma anche economico, a garantire l'interazione tra i suoi prodotti esistenti, come l'iPad o l'iPhone, e il tanto atteso smartwatch. "Il dispositivo da polso potrebbe senz'altro essere di stimolo all'acquisto di altra tecnologia Apple e viceversa. In altre parole: "Da solo, l'iWatch non darebbe al consumatore grande soddisfazione." Robert Weiss è della stessa opinione: "Gli smartwatch sinora in commercio sono carenti dal punto di vista dell'interconnessione. Se non si possiedono app apposite, il dispositivo diventa difficile da usare. Deve invece integrarsi tecnicamente in un contesto di cui facciano parte allo stesso modo hardware, software e servizi. Apple possiede già grandi quantità di contenuti "di base", che sfrutterà per l'abbinata smartwatch/iPhone."

L'ingresso sul mercato impatterà il settore orologiero nelle fasce di prezzo medio-basse

Neumann del Credit Suisse non esclude tuttavia che l'iWatch faccia il suo ingresso sul mercato in versione semplificata e di conseguenza più economica. "Immagino un prodotto non ancora al massimo delle potenzialità, in grado di eseguire soltanto le funzioni più semplici – come la ricezione di email da un iPhone abbinato. A livello di prezzo, saremmo nell'ordine di 150 – 200 dollari. Un dispositivo veramente completo potrebbe invece aggirarsi sui 350 dollari." Considerando i costi prospettati da Neumann, le mosse di Apple avranno al massimo conseguenze per i segmenti di fascia medio-bassa del settore dell'orologeria. "Qui potremmo assistere all'uscita di soggetti dal mercato. I produttori di gadget indossabili per la fitness, come Polar, saranno fortemente colpiti. Tuttavia siamo convinti che possa schiudersi un nuovo mercato, di dimensioni molto maggiori. Si tratta di conquistare coloro che, ad oggi, l'orologio non lo indossano affatto. Da questo punto di vista non per forza vi saranno risvolti negativi per i marchi dell'orologeria." L'industria degli orologi di lusso, tanto importante per la Svizzera, continuerebbe a vendere prodotti del tutto diversi. "Gli orologi di un certo tipo si propongono come beni destinati a durare nel tempo e conservare il proprio valore, cosa a cui i prodotti Apple, per le loro intrinseche caratteristiche tecniche, non potranno mai ambire. Inoltre, gli orologi di lusso sono oggetti che seducono per il design e possono definirsi veri e propri gioielli. Al contrario, dispositivi che di fatto occorre sostituire ogni due anni, come gli smartphone, non possono costare 10'000 dollari." Nel settore della tecnologia, Apple è leader in fatto di design, e ciò le conferisce un vantaggio competitivo importante, aggiunge Robert Weiss. "Apple utilizza da tempo il metallo per i suoi prodotti, mentre il suo concorrente Samsung, per esempio, continua a impiegare plastica." Infine, a favore di Apple giocherebbe un'ulteriore carta decisiva: "L'iWatch non avrebbe bisogno di pubblicità. Lo dimostra il fatto che si parli tanto di un prodotto prima ancora che arrivi sul mercato."

Autore: Credit Suisse Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito Le ultime fotogallery 1 - 4 di 100 prec succ La suite dei cieli di Etihad: il viaggio aereo di lusso

La suite dei cieli di Etihad: il viaggio aereo di lusso

Le idee più creative per trovare un lavoro

Il disastro italiano in meno di 20 grafici